CASALE DI SCODOSIA - www.tur-rivers.it
urbana, sculdascia, tur rivers, tur-rivers, promozione, territorio, turismo, bassa padovana, accoglienza, turismo rurale, grandi fiumi, montagnana, padova, san salvaro, monastero, museo antiche vie
15120
page,page-id-15120,page-child,parent-pageid-14490,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-6.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Casale di Scodosia

L’antica pieve e la torre campanaria medioevale

La Pieve di Casale di Scodosia estendeva la sua giurisdizione sulla chiesa di S. Gallo di Urbana e sulla “Schola Sacerdotum” di S. Salvaro, su Altaura e su S. Margherita. La sua fondazione sembra risalire al X secolo, mentre si sa che nel XII secolo essa tiene fra le sue mura il fonte battesimale.

 

Alla fine del ‘400 il vescovo Barozzi visita la “Plepem archipresbiteralem Sancte Marie de Casali”, “la chiesa era allora larga circa 9 metri, lunga 17,50 e alta fino alle travature altri 9 metri, aveva tre navate divise da pilastri che reggevano ampi archi e la navata centrale finiva a oriente con un’abside e un muretto di mattoni divideva il tempio per i maschi e le femmine. Nella navata di destra era, nella parete esterna, un’altra abside più piccola mentre su quella di sinistra s’apriva la sacrestia che occupava il posto di un’altra absidiola. Il tetto era composto di capriate in legno e l’intonaco era in alcune pari dipinto. A occidente poi era la facciata con una porta sormontata da un rosone “oculus unus”.

 

Dell’edificio originario è oggi visbile solo l’antica torre campanaria di linee medioevali, risalente con ogni probabilità al X-XI secolo, tutta in mattoni e con le bifore della cella divise da colonnine, di cui solo una è originale, rimasta intatta, col suo capitello a “pulvino”.

Villa Correr e la Chiesetta di Altaura

Chiesetta dedicata a Santa Margherita

Chiesetta dedicata a Santa Margherita

Villa Correr fu costruita verso la fine del ‘600 come dimora estiva dell’omonima, nobile famiglia veneziana, che qui possedeva più di trecento ettari di terreno. L’aspetto attuale è frutto di successivi interventi realizzati a metà dell’Ottocento da successivi proprietari.

 

Dopo alcuni passaggi di proprietà (Correr, Donà, Dalla Francesca) la villa diviene proprietà del Comune di Casale di Scodosia che organizza annualmente al suo interno (mese di settembre) una grande mostra dell’antiquariato.

 

Sempre ad Altaura, nella suggestiva cornice delle antiche mura circostanti, si incontra una chiesetta di piccole dimensioni dedicata a Santa Margherita. E’ verosimile che questa chiesa possa avere origini lontane, Altaura appariva già, infatti, come piccolo centro autonomo dell’antica Sculdascia e potrebbero corrispondere al vero le affermazioni di alcuni storici che parlano di un edificio religioso qui esistente prima del 1000, facente parte di un convento che sorgeva entro le attuali recinzioni della villa. A conferma di ciò vi sono alcuni testi di antichissime pergamene redatte ai tempi in cui nella Sculdascia dominavano gli avi degli Estensi, in cui si nominano terre, case e chiesa in “Altaduria” o “Altadura”. Quei rarissimi documenti testimoniano dei possedimenti dei marchesi Almerico II, Oberto, Alberto Azzo I, Alberto Azzo II e le loro famiglie, che per “donum regis” furono signori della Sculdascia prima di stabilirsi nella vicina Este.

 

Tuttavia questo piccolo edificio religioso lo si trova per la prima volta nominato con certezza nel 1297 e lo si ritrova poi nel ‘400, nei documenti delle visite vescovili, in cui si riporta un suo deciso stato di abbandono. Vi sono successivamente documenti attestanti un ripristino della chiesa nel 1536, ma certi elementi come le arcatelle a sostegno dei cornicioni laterali e dei salienti dei due fronti a oriente e a occidente riportano al romanico, mentre il portale d’ingresso potrebbe essere d’impronta quattrocentesca. Cinquecentesco potrebbe essere stato quindi un semplice lavoro di restauro che ha mantenuto il piccolo tempio nelle sue più antiche forme.

 

All’interno, oltre che all’altare di fondo, sistemato sotto un inusuale ciborio – opera piuttosto recente – è da notare un soffitto interamente e pregevolmente dipinto a fresco nel 1899, che copre col suo supporto di catinelle, “arelle” (o grasiole) e intonaco, l’intera capriata lignea.

Villa Correr

La villa è oggi proprietà del Comune di Casale di Scodosia che organizza annualmente al suo interno nel mese di settembre una grande mostra dell’antiquariato. Info www.comune.casale-di-scodosia.pd.it

Chiesetta di Altaura

La Chiesetta è visibile solo dall'esterno