MELA DI CASTELBALDO - www.tur-rivers.it
urbana, sculdascia, tur rivers, tur-rivers, promozione, territorio, turismo, bassa padovana, accoglienza, turismo rurale, grandi fiumi, montagnana, padova, san salvaro, monastero, museo antiche vie, mela, pera, mela castelbaldo, pera castelbaldo, produzione tipica
15467
page,page-id-15467,page-child,parent-pageid-14490,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-6.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

MELA DI CASTELBALDO

La mela di Castelbaldo è un prodotto tradizionale riconosciuto dal Mi.P.A.F. (Ministero Politiche Agricole e Forestali)

melaLa mela esiste in Europa fin dalla preistoria ed è stata introdotta nel padovano ai primi del ‘900 da Clemente De Togni.


La zona particolarmente vocata alla produzione si estende in prossimità del fiume Adige nei comuni del comprensorio di Montagnana, con centri a Castelbaldo e Masi.


È a partire dalla fine del secondo conflitto mondiale che si registra uno sviluppo della coltivazione di questa pomacea e oltre alla varietà Belfort, vengono introdotte la Morgenduft, la Delicious e la Jonathan.
Successivamente si è passati a coltivare numerose nuove varietà, con la diffusione di portainnesti a bassa-media vigoria e l’adozione di tecniche colturali appropriate per l’ottenimento di frutti di qualità.


La mela prodotta in questa zona presenta la polpa turgida, carnosa, bianca, particolarmente zuccherina e croccante; inoltre la buccia presenta una moderata rugginosità che non pregiudica l’aspetto generale del frutto, ma lo differenzia da quello prodotto in altre zone per migliore qualità e gusto.